Domenica 8 novembre il corteo
IL QUATTRO NOVEMBRE, NOVANTUN ANNI DOPO
Il Sindaco: “A chi si domanda se ha ancora senso celebrare la festa dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate, dico: guardate le immagini dei nostri soldati impegnati nelle missioni di pace all’estero. La risposta la trovate lì.”

il quattro novembre, novantun anni dopo Il 4 novembre è una data storica per il nostro Paese. Novantuno anni fa finiva la prima Guerra Mondiale con l’armistizio siglato a Villa Giusti con l’Impero Austro Ungarico. Da allora questa data è diventata un simbolo per ricordare la vittoria e l’Unità Nazionale, ma anche le Forze Armate.

“Questa è una ricorrenza importante per l'Italia”. Con queste parole il Sindaco Giacinto Mariani presenta il programma per la festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. Il Primo Cittadino sottolinea quanto sia importante ricordare tutti i caduti in guerra e ringrazia i militari che in questo momento sostengono i percorsi di pace in quei Paesi in cui ancora non esistono sistemi democratici.

“A chi si domanda – prosegue Mariani – se ha ancora un senso ricordare la Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, a quasi un secolo di distanza da quel 4 novembre 1918, rispondo con un invito: guardate le immagini dei nostri militari impegnati con sempre maggiori responsabilità e riconoscimenti in delicate missioni in Paesi lontani. Questo è il senso, oggi, del Quattro Novembre.”

Primo appuntamento per la città è l’omaggio floreale alla lapide dei Caduti al Ceredo venerdì 6 novembre alle ore 11.

Il 4 novembre sarà ricordato domenica 8 novembre con la S. Messa per i Caduti di tutte le guerre in Basilica S. Giuseppe alle 8.45 e, alle 9.30, con il corteo con partenza da Piazza Libertà.

Attraverso corso del Popolo, piazza Roma, via Magenta, via Manzoni, via Umberto I, via Colombo, via Garibaldi, via Vincenzo da Seregno, il corteo raggiungerà piazza Vittorio Veneto dove è previsto un omaggio floreale al Monumento ai Caduti.

Queste le altre “tappe”: alle 10.15 omaggio floreale al Monumento dedicato agli Autieri; alle 10.30 omaggio floreale alla Cappella Votiva e al Sacrario dei Caduti al Cimitero Principale (via Reggio); alle 11.15, una delegazione delle autorità renderà omaggio al Monumento ai caduti a San Carlo.

Informazioni: Ufficio Cultura (piazza Libertà, 1 – telefono: 0362/263.311 - email: info.cultura@seregno.info).


HOME